Oscar 2018: “The Shape of Water” Miglior Film e Miglior Regia, “Chiamami col tuo nome” Miglior Sceneggiatura non Originale

Guillermo Del Toro (Panorama)

Si è conclusa al Dolby Theatre di Los Angeles la cerimonia di premiazione, condotta da Jimmy Kimmell, relativa alla 9oma edizione degli Academy Awards. Miglior Film è risultato The Shape of Water di Guillermo del Toro, mirabile confluenza fra fantasia e realtà, che consegue altre tre statuette per la Miglior Regia, Miglior Colonna Sonora Originale e Miglior Scenografia. Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino consegue il premio a James Ivory per il miglior adattamento  (il romanzo omonimo di André Aciman), Miglior Attrice Protagonista è risultata Frances McDormand (Three Billboards outside Ebbing, Missouri), che vede premiato anche Sam Rockwell  come Miglior Attore non Protagonista, mentre quella per il miglior protagonista va a Gary Oldman, per The Darkest Hour di Joe Wright, titolo vincitore anche riguardo il miglior make up (David Malinowski). Coco è risultato il Miglior Film d’AnimazioneDunkirk di Chistopher Nolan consegue tre statuette “tecniche”, due relative al montaggio ed una al Sound Mixing. Di seguito, l’elenco dei premi assegnati.

 Miglior film: The Shape of Water. Miglior regia: Guillermo del Toro (The Shape of Water). Miglior attore protagonista: Gary Oldman (Darkest Hour). Miglior attrice protagonista: Frances McDormand (Three Billboards outside Ebbing, Missouri). Miglior attore non protagonista: Sam Rockwell (Three Billboards outside Ebbing, Missouri). Miglior attrice non protagonista: Allison Janney (Io, Tonya). Miglior film d’animazione: Coco (Lee Unkrich and Darla K. Anderson). Miglior documentario: Icarus (Bryan Fogel e Dan Cogan). Miglior film straniero: A Fantastic Woman (Cile). Miglior sceneggiatura originale: Get Out (Jordan Peele). Miglior cortometraggio documentario: Heaven Is a Traffic Jam on the 405 (Frank Stiefel). Miglior canzone: Remember Me (da Coco; Music and Lyric: Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez). Miglior sceneggiatura non originale: Call Me by Your Name (James Ivory).

Migliori costumi: Phantom Thread (Mark Bridges). Miglior trucco e acconciature: Darkest Hour (Kazuhiro Tsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick). Migliore scenografia: The Shape of Water (Paul Denham Austerberry). Miglior cortometraggio: The Silent Child (Chris Overton e Rachel Shenton). Miglior montaggio sonoro (Sound Mixing): Dunkirk (Mark Weingarten, Gregg Landaker e Gary A. Rizzo). Migliori effetti speciali (Visual Effects): Blade Runner 2049 (John Nelson, Gerd Nefzer, Paul Lambert e Richard R. Hoover).Miglior fotografia: Blade Runner 2049 (Roger A. Deakins). Miglior sonoro (Sound Editing): Dunkirk (Richard King e Alex Gibson). Miglior cortometraggio animato: Dear Basketball (Glen Keane e Kobe Bryant). Miglior colonna sonora originale: The Shape of Water (Alexandre Desplat). Miglior montaggio: Dunkirk (Lee Smith).

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...